Share

Quattro progetti che rappresentano una leva di crescita, sviluppo e innovazione sul territorio.  Le strategie competitive per le imprese industriali sono state illustrate ieri, a L’Aquila, in un incontro con il viceministro MISE, Teresa Bellanova, all’auditorium di Palazzo Silone, alla presenza del vicepresidente della Regione Abruzzo, Giovanni Lolli, del Sindaco Massimo Cialente e della Rettrice dell'Università dell'Aquila, Paola Inverardi.

Si tratta di progetti che promuovono il sistema produttivo, tecnologico e della ricerca.

Tra questi,  il progetto EMERGE punta a realizzare un avanzamento scientifico e tecnologico nel campo ITS (Intelligent Transport Systems) attraverso una partnership tra l’Università dell’Aquila e prestigiose realtà del mondo produttivo FCA e Ansaldo e della ricerca come RadioLabs e IAM (Polo Innovazione Automotive) con ricadute sulla produzione del FIAT Ducato, veicolo commerciale prodotto in Val di Sangro e leader a livello europeo .

Dopo gli interventi del vicepresidente Giovanni Lolli, del Sindaco Massimo Cialente e della Rettrice Paola Inverardi sono state illustrate nel dettaglio, da parte dei rappresentanti delle aziende, le strategie industriali in programma. Hanno preso la parola Donato Amoroso AD di Thales Alenia Space, Francesco Rispoli per Radiolabs, Stefano Ragazzi  Direttore dei Laboratori Nazionali del Gran Sasso INFN, Giampaolo Porchiazzo e Zhu Yimen per ZTE. Presenti, tra gli altri, la  senatrice Stefania Pezzopane e il consigliere regionale Pierpaolo Pietrucci.

IMG_0786

(Credits immagine: Ufficio stampa Regione Abruzzo)

"Si tratta – ha commentato il vice presidente Giovanni Lolli – di progetti indispensabili e di un programma di interventi coraggiosi e lungimiranti per aumentare gli investimenti in nuove produzioni, generare nuova occupazione e guidare l’economia locale verso un nuovo modello di sviluppo”.

Al termine dell’incontro - esteso ad aziende, associazioni, lavoratori e RSU – il viceministro Bellanova ha parlato di un “modello L’Aquila” virtuoso e da far conoscere, basato sulla condivisione e sulla qualità dell’innovazione ed ha sottolineato l’importanza di progetti ambiziosi per creare opportunità di lavoro qualificato con ricadute su tutta la filiera industriale, tali da rinforzare la dimensione internazionale del territorio aquilano.

Tra gli altri progetti illustrati, l’attrattiva di ‘DarkSide 20K’ proviene dal prestigio internazionale del Laboratorio del Gran Sasso dell’INFN e dalle ricerche sulla materia oscura.

È stato recentemente ufficializzato a Washington DC l’accordo che fa del Gran Sasso il fulcro globale per la ricerca sulla materia oscura con Argon: riunisce tutti i ricercatori in una singola collaborazione, per eseguire un unico progetto nel cuore del Gran Sasso. La collaborazione include 68 Istituti Internazionali da 12 Nazioni. Con 350 scienziati, è la più grande collaborazione nel campo della materia oscura a cui hanno recentemente aderito 19 istituti canadesi, freschi vincitori del Nobel 2015 per la fisica, assegnato per una scoperta fondamentale sui neutrini.

Il colosso ZTE 6° player mondiale nel campo della telefonia, intende dar vita a un centro di ricerca e innovazione all’Aquila, capace di sviluppare ulteriormente le proprie tecnologie: in particolare si occuperà dello sviluppo delle reti 5G e del miglioramento della user experience dei clienti attraverso le nuove tecnologie digitali. Zte ha scelto la città di L’Aquila per la possibilità di operare in un ecosistema locale caratterizzato da una qualificata realtà universitaria e da un processo di ricostruzione post-sisma particolarmente attento all’innovazione. Sarà certamente un fattore di attrattività per altri player tecnologici internazionali del settore, interessati ad accedere al mercato italiano e ai mercati europei.

Thales Alenia Space Italia ha illustrato le sue iniziative legate alla Space Economy su cui la Regione sta investendo risorse per 10 milioni di euro. In questa cornice Thales Alenia Space ha individuati quattro progetti: GovSatCom, Copernicus, Galileo ed Exploration. GovSatCom sarà il primo a partire e determinerà la costruzione e gestione di un sistema di Telecomunicazione satellitare con ricadute dirette sulla sicurezza, sul sistema sociale e ambientale grazie alle applicazioni nel campo della Telemedicina, dell’Agrifood, dei Trasporti e del Turismo.

Il viceministro Bellanova, si è impegnata a tornare all’Aquila per visitare e conoscere approfonditamente ciascuno di questi progetti.

L'articolo pubblicato sul quotidiano Il Centro

L'articolo pubblicato sul quotidiano Il Centro

 
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* http://www.innovazioneautomotive.eu/privacy-policy-e-uso-dei-cookie/

*

Accetto

*