Share
[:it]

La componentistica italiana per l’automotive punta sull’internazionalizzazione e cresce nel mondo, con un ampio potenziale di sviluppo ulteriore e un effetto traino per l’intera filiera, pari a oltre 65 miliardi di euro di nuovo export entro 2020.

E’ quanto emerge dallo studio dedicato alla componentistica per l’automotive pubblicato da Sace (Gruppo Cassa depositi e prestiti): ‘Più veloce, più lontano: il cambio di marcia della componentistica’.

Se da una parte l’industria di produzione di autoveicoli è presente su una pluralità di geografie e aumenta in misura significativa le proprie esportazioni, la componentistica resta concentrata su mercati tradizionali come quello europeo (circa il 70% del totale export).

Sace ha individuato 12 mercati di opportunità che - entro il 2021 - genereranno vendite per oltre 75 miliardi di euro. Oltre a regioni note come Cina, Messico e India, ci sono anche economie asiatiche di frontiera, per cui risulta fondamentale adottare forme di internazionalizzazione 'avanzate' attraverso un approccio strutturato e adeguate soluzioni finanziario-assicurative.

Un trend che trova conferma nella crescente attività in questo settore di Sace e Simest, il polo dell'export e dell'internazionalizzazione del Gruppo Cdp.

Per il Focus On completo scarica il pdf

[:en]La componentistica italiana per l’automotive punta sull’internazionalizzazione e cresce nel mondo, con un ampio potenziale di sviluppo ulteriore e un effetto traino per l’intera filiera, pari a oltre 65 miliardi di euro di nuovo export entro 2020. E’ quanto emerge dallo studio dedicato alla componentistica per l’automotive pubblicato oggi da Sace (Gruppo Cassa depositi e prestiti): ‘Più veloce, più lontano: il cambio di marcia della componentistica’. Se da una parte l’industria di produzione di autoveicoli è presente su una pluralità di geografie e aumenta in misura significativa le proprie esportazioni, la componentistica resta concentrata su mercati tradizionali come quello europeo (circa il 70% del totale export). È proprio da un cambio di marcia della componentistica che l’export italiano potrebbe avere i maggiori benefici. Il trend della domanda di componenti mostra una dinamica molto sostenuta in diversi Paesi, soprattutto asiatici.[:]
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* http://www.innovazioneautomotive.eu/privacy-policy-e-uso-dei-cookie/

*

Accetto